Compensazione

“A mangiare ostriche e aragoste tutti i giorni, arriva il momento che hai voglia di una bruschetta all’aglio e solo quella” diceva mio nonno. Lui era un marinaio, aveva una donna in ogni porto, mi aveva raccontato, e le avrebbe avute anche se fosse rimasto a casa a fare il contadino. Forse à da lui … More Compensazione

E adesso che faccio?

– E adesso, che faccio? Tommaso aveva le lacrime agli occhi, un mozzicone di sigaretta stretto tra le dita gialle, l’altra mano che frugava nervosamente tra i capelli. – Non so cosa fare, credimi! Ho vissuto quest’incubo troppo a lungo, sono sfinito ormai…non posso continuare ad andare avanti così… – Dai Tommy, non fare così … More E adesso che faccio?

Open water

L’aveva visto fare a sua madre : tornare a casa con le lacrime agli occhi e in un attimo raccogliere tutte le cianfrusaglie di Rocky. Il primo viaggio in macchina senza di lui, di ritorno dal veterinario e quella  siringa letale. Tutto in un secchio della spazzatura: il guinzaglio, la copertina, la cesta come cuccia, … More Open water

Quattro storie d’amore

(1:4) Daniele Che ci faccio in questo posto? Boccali di birra sparsi dappertutto, la maggior parte ancora mezzi pieni e dimenticati da chissà quanto tempo. Il pavimento appiccicaticcio sotto le scarpe di tutto l’alcool che era andato sprecato con tutti i bicchieri andati in frantumi. Odore di alcool, di sudore, del fumo di sigarette che … More Quattro storie d’amore

In cerca di fortuna

Pawel non stava più nella pelle, non riusciva quasi a crederci. Negli ultimi giorni non era riuscito neanche a dormire pensando che quello che aveva atteso, per così tanto tempo, si stava finalmente avverando.Tanto, troppo tempo. Passato lontano a cercare fortuna., a farsi una vita. Quasi due anni lontano da casa, lontano dai suoi affetti, … More In cerca di fortuna

Maledetto vino

“Maledetto vino” sospirò Piero tracannando l’ultimo bicchiere. L’alcool era tornato a fare effetto. Aveva passato da un pezzo la fase del bere per rimettere in circolo la sbornia del giorno prima e calmare gli spasmi e i dolori. Adesso era nella fase di ricarica, quella condizione di crescente allegria e benessere prima del buio e … More Maledetto vino

C’è sempre tempo…

L’aria fresca della primavera inoltrata entrava dalle finestre lasciate socchiuse. Fuori solo silenzio, interrotto di tanto in tanto da cani lontani che abbaiavano alla luna piena. Massimo non riusciva a prendere sonno come ormai gli succedeva da un paio di settimane a questa parte, da quando aveva riportato a casa suo padre dall’ospedale. Pratiche da … More C’è sempre tempo…

Diario

La stanza era vuota, adesso. Come tutte le altre. Tutto rimaneva silenzioso e squallido come solo gli ospedali possono essere: quelle fredde luci al neon, le pareti verdoline, le piastrelle vecchie e sbiadite. E quel fastidioso odore di medicinali. Di fuori cominciava ad imbrunire e la pioggia sui vetri giocava con le luci dei primi … More Diario

Society

“This is Living” cam­peg­giava la pub­bli­cità dell’ultima con­sole di video gio­chi. Era que­sto vivere? Era vera­mente quella la vita per milioni di per­sone, e non solo ragaz­zini, pre­ci­pi­tosi di cor­rere e  chiu­dersi a casa a sma­net­tare joy­stick e tastiere per cata­pul­tarsi in una realtà irreale? Era vivere il rinun­ciare alla vita per pas­sare ore davanti … More Society