Chiedimi perché vado in Natura…

Chiedimi perché vado in Natura…

Sto postando poco, ultimamente, ma solo perché, per fortuna, sto lavorando molto.

E la sera, quando sono stanco per la lunga camminata e per lo stress di cercare ad ogni costo di donare ai miei ospiti un’esperienza indimenticabile, non trovo la forza di lavorare alle foto o quella di scrivere qualche post: mi gusto solo il momento ed quell’avvolgente senso di soddisfazione ed appagamento.

Sì, sono fortunato a poter fare quello che amo, ad essere pagato per fare quello che farei (e faccio) comunque: andare in Natura, immergermi nel silenzio e nella magia delle foreste, meravigliarmi ancora dei fantastici incontri con gli animali. E se posso condividere questi momenti con altri, se posso allietare il mio e loro tempo con coinvolgenti conversazioni, condividendo l’Amore ed il Rispetto per la Natura, beh, non è semplicemente meraviglioso?

E allora non ci si stanca mai, non c’è mai il peso della routine, lo sfinimento di ripetere ogni giorno le stesse cose, la stessa esperienza, le stesse passeggiate negli stessi luoghi. E sapete perché? Perché niente è mai lo stesso, perché ogni giorno cambia e perché Madre Natura sa sorprendere e meravigliare ancora.

Ogni giorno è diverso, ogni esperienza è diversa ed ogni ospite avrà ricordi diversi, ma comunque indimenticabili: un giorno si vedranno più animali, un giorno forse meno ma più vicini; un giorno si avrà la fortuna di avvistare anche un’aquila, il giorno dopo magari si potrà ammirare un piccolo di volpe venirti incontro, ancora smaliziato, o forse solo curioso.

Proprio come è successo ieri, io e la mia ospite sorpresi, fermi e senza respirare, increduli di tanta bellezza a pochi metri da noi.

Non porto i miei ospiti in un parco o in uno zoo, ma li porto in Natura, in luoghi che conosco e, soprattutto, che amo e rispetto. E che, forse proprio per questo, ripagano sempre.

Sempre.

La mia attrezzatura / My gear: Nikon D750 / Nikon D500 / Obiettivo Tamron 150-600mm f5-6.3 / GoPro 7 Hero black / Gimbal Neewer / Rollei Tripod C6i Carbon + Rode VideoMicro 

  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...
  • Chiedimi perché vado in Natura... / Ask me why I go to Nature...

22 thoughts on “Chiedimi perché vado in Natura…

  1. Un lavoro che ti da giorno dopo giorno tantissime soddisfazioni, 🙂.
    Oddio, ma quel cucciolo di volpe è così dolce, 😍! Ha un musetto tenerissimo e due occhietti furbi, 🥰.

      1. Manuel per un certo periodo ho punzecchiato mie figlie
        -Allora quando ci trasferiamo in Norvegia ? –
        E loro – Mamma ogni 7- 8 anni ricominci con la tiritera dell’emigrata , se vuoi vai ! –

        Io -Mi sono trasferita nel nord della Francia –
        Loro – Perché sei tornata allora ? –
        Sottovoce ho bisbigliato – Sola lontano da voi tutti, non ce l’ho fatta –
        Complimenti !!! Lo so che è dura .
        Coraggio ché puoi tornare” quando è ora ” 🐞☮️

  2. Scusa se approfitto di questo spazio per qualcosa che non c’entra nulla con le belle volpacchiotte, ma ho letto in un sito (https://www.atlasobscura.com/articles/what-is-the-biggest-bird) che il paleontologo David Ksepka si è occupato nel 2014 dei resti fossili di un volatile che si dice essere stato il più grande (*) mai esistito, e al quale ha dato il nome “Pelagornis sandersi” (Sanders era il nome del curatore del Charleston Museum).
    Pare che l’apertura alare dell’antico uccello fosse superiore ai 7 metri. Tuttavia sembrava essere stato incredibilmente leggero (*), circa 40 chili.
    Attualmente, Ksepka è curatore del Bruce Museum di Greenwich, nel Connecticut.
    Ne hai mai sentito parlare? Cosa ne pensi?
    Grazie. Se non hai tempo per rispondere, dato che per fortuna sei molto indaffarato, non c’è problema: grazie lo stesso! 🙂

    1. Ciao cara!
      Prima di tutto scusa se rispondo solo ora, ma sono stato a Varsavia a festeggiare il compleanno di mia figlia 😊
      No, non ne avevo mai sentito parlare ed è interessantissimo!
      Grazie mille per avermelo fatto scoprire!

      1. Figurati, mi fa piacere, anche che tu e tua figlia abbiate potuto festeggiare insieme il suo compleanno. E per quanto riguarda i tempi di risposta, devi stare tranquillo: so – come tutti i tuoi amici blogger – che sei sempre in giro!

Rispondi a Speranza Annulla risposta