Il picchio muratore / The Eurasian nuthatch

Mentre qualche settimana fa stavo girando il video sulle aquile, ho avuto la fortuna di poter fotografare un picchio muratore (Sitta europaea).

Nonostante il nome, questo uccello non appartiene alla famiglia dei Picidae (ossia dei picchi) ma è un uccello passeriforme, così chiamato poiché, si arrampica sui tronchi nutrendosi di nocciole e semi infilandoli in spaccature adatte e rompendone il guscio a colpi di becco (e, infatti, in inglese chiamato “nuthatch”, ossia schiaccianoci).

L’aggettivo muratore, invece, deriva dall’abilità di questo uccello di rimpicciolire l’entrata del suo nido creando un resistente impasto di fango e saliva.

Molto agile e veloce, ha gironzolato per un po’ sull’albero vicino a me, per poi dileguarsi. Peccato per la poca luce che non ha dato il degno risalto al suo piumaggio colorato.

Foto scattate con Nikon D500 + Tamron SP 150-600mm F/5-6.3 Di USD G2 SLR

Pictures taken by Nikon D500 + Tamron SP 150-600mm F/5-6.3 Di USD G2 SLR

While a few weeks ago I was shooting the video about the eagles, I was lucky enough to be able to photograph a nuthatch (Sitta europaea).

This bird, a small passerine, got its name because its ability of hatching the nuts by putting them in cavities of the tree and then hitting them with the beck.

In Italy, for this ability, we call it “picchio” (woodpecker even if it’s not of the same family) and the “muratore” (builder) because is capable of reduce the entrance of its nest by building a resistant wall made of mud and its saliva.

Very agile and fast, it wandered around the tree next to me for a while, then vanished. Too bad for the little light that did not give the worthy emphasis to its coloured plumage.


22 risposte a "Il picchio muratore / The Eurasian nuthatch"

  1. occhio esperto, che riesce a vedere l’invisibile per l’uomo banale e comune.

    fotografo abile e consumato che sa far partecipare anche noi delle sue scoperte.

    e uomo fortunato, o almeno molto ostinato, che riesce a scoprire ogni giorno una cosa nuova.

    e un bravo anche al picchio muratore che si è fatto fotografare per bene!

    1. Grazie di cuore Mauro!

      Ansel Adams, fotografo statunitense, diceva che la fotografia è fatta di tante aspettative e ancor più delusioni.
      E infatti è così, diciamo che tante volte si torna a casa con poco e niente, ma poi la ricompensa arriva sempre e ripaga tutti i sacrifici fatti.
      Ed è questo il bello della fotografia 😊😉

      1. bellissima definizione, per fotografi veri.

        io, che non lo sono, considero la fotografia semplicemente una gradevole e paziente compagna di viaggio, che sopporta le mie soste e condivide le mie emozioni, senza altre pretese.
        è vero che, siccome non le chiedo molto, neppure la stresso e non le creo neppure nessuna paura di deludermi… 😉

        perché, quando torno a casa, trovo comunque le foto dei fotografi veri, che io non sarei stato capace di fare.

Rispondi a Nonna Pitilla Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...