E lo schifo continua…

Se mi seguite, sapete quanto ho a cuore la questione delle zone colpite dal terremoto 2016.

Per chi non sa delle condizioni in cui versano ancora quelle zone, consiglio di guardare il video (versione lunga o corta) che girai a marzo 2020.

Oggi ho letto questa notizia: I terremotati da gennaio dovranno pagare le bollette anche sulle case distrutte.

Io non ho più parole, veramente…

Un abbraccio a tutte le persone colpite dal sisma che, dal 2016, continuano ad essere abbandonate e prese per il culo.

IO NON DIMENTICO.


19 risposte a "E lo schifo continua…"

  1. Non ha senso, che si trovino un buon avvocato a che si ribellino tutti insieme. Task force. Se la casa non è in piede o agibile non vedo come il Comune possa richiedere di pagare le bollette? Non sta in piedi. Per esempio, se l’energia elettrica e l’acqua potabile non sono più allaciate alle case distrutte -tanto meno esisterà un contattore- e visto che nessuno può viverci non vedo come queste aziende possono pretendere di far pagare un servizio che non esiste.Non so se rendo l’idea. Informatevi presso un buon avvocato tributario e dividete le spese. Non lasciatevi fregare.

      1. Nel senso che il tuo telefonino memorizza i tuoi interessi e in base a quelli ti mostra le notizie che ti fanno incazzare. In parole povere ☺ È cosí per tutti. Io switcho alla grande le notizie deprimenti. Già la vita è una merda. Le lascio a chi ha bisogno di deprimersi.

  2. Penso spesso a queste persone che da anni vivono in quelle dovevano essere abitazioni provvisorie. E’ veramente uno schifo, non devono pagare più nulla e prendere in mano i forconi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...