Papillon: l’orso che ci insegna qualcosa / Papillon: the bear that teaches us something

Non solo, poco tempo fa, l’orso M49 “Papillon” è riuscito ad evadere, per la seconda volta, dalla prigione del Casteler, ma è riuscito anche a togliersi il radio-collare, facendo così perdere le sue tracce.

E allora, questo orso coraggioso, diventa già leggenda, una di quelle favole che dovremmo raccontare ai nostri bambini e a noi stessi.
Quelle favole dove il bene vince sul male, dove la Natura non si lascia comandare; dove l’uomo, nonostante tutte le sue diavolerie, non può sottomettere chi è più grande di lui.

Una favola che Papillon sta scrivendo per noi, non sia mai che magari stavolta impariamo qualcosa…

Foto presa dal Web

Not just that, recently, the bear  M49 “Papillon” managed to escape, for the second time, from the Casteler prison, but he also managed to take off the radio collar, thus making him lose track.

And then, this brave bear already becomes a legend, one of those fairytales that we should tell our children and ourselves.
Those fables where good wins over the evil, where Nature does not allow itself to be bended; where man, despite all his devilry, cannot subdue whoever is greater than him.

A story that Papillon is writing for us, maybe we learn something this time…

Picture from the web


18 risposte a "Papillon: l’orso che ci insegna qualcosa / Papillon: the bear that teaches us something"

      1. Sì, io parlavo dell’Abruzzo, del Veneto e FVG dove orsi pur ci sono. E anche i lupi sembra siano più attivi solo in TAA
        Sai, a pensare male…

  1. Io spero che Papillon non si faccia più trovare da nessuno e diventi veramente una leggenda.
    Certamente è una creatura superiore che ha capito tutto degli umani.
    Sarei pronta a difenderlo con il mio corpo pur di non farlo catturare.

  2. Prendere una notizia da trafiletto e trasformarla in una storia leggendaria è un’operazione che può riuscire solo ai grandi scrittori. Con questo post hai confermato di esserlo.

      1. Anche per me è sempre un piacere ricevere un tuo commento nel mio blog. A proposito, stamani ho pubblicato un nuovo post, in cui racconto un episodio molto significativo della mia infanzia: spero che ti piaccia! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...