Amare con gli occhi / To love with the eyes

Stacco per qualche giorno, finalmente dopo quasi 5 mesi di auto-isolamento nell’unica nazione, la Svezia, che non ha fatto il lockdown, domani vado a Varsavia per il compleanno di mia figlia.
Dopo 6 mesi, finalmente, la rivedrò (l’ultima volta è stato a febbraio) e non sto nella pelle dall’emozione!

Sarà diverso e difficile, questa volta, visto che per ovvi motivi non potrò abbracciarla né tantomeno soffocarla di baci come vorrei fare, così come non potrò abbracciare i miei genitori, che ci raggiungeranno, che non vedo dal 6 marzo.
E dio solo sa la voglia che ho di poterlo fare, di abbracciare e baciare Lara, mia madre, mio padre, far sentire loro quanto mi sono mancati, potersi sfogare insieme di tutto quello che abbiamo dovuto passare, distanti e soli…

Certo, per mia figlia, che compirà 4 anni, “wuhan” e “coronavirus” sono solo due parole divertenti e sicuramente ha vissuto nnella spensieratezza tutta questa situazione, ma i questi 6 mesi nei suoi occhi ho visto scendere un velo di sofferenza che prima non aveva: sofferenza per il distacco, sofferenza per la lontananza, sofferenza nel non riuscire a capire perché suo padre non andava più a trovarla.
E quella sofferenza ci ha portato ad allontanarci ancora di più, e questo isolamento è diventata una prigione!

E allora, se non potrò abbracciarla e baciarla come vorrei, gli occhi saranno il mezzo per dimostrare il mio Amore, per farle riaccendere quella luce che aveva e che deve tornare a splendere. Se non potrò abbracciare i miei, li guarderò in modo diverso e dirò loro cose che non ho mai detto, quando tutto era dato per scontato.

Amare con gli occhi, amare con le parole, amare con i piccoli gesti.
Adesso che abbiamo capito che sono le cose più importanti…

I will unplug for a few days, finally after almost 5 months of self-isolation in the only country, Sweden, which has not made the lockdown, tomorrow I’m going to Warsaw for my daughter’s birthday.
After 6 months, finally, I will see her again (the last time was in February) and I’m really going out of my mind!

It will be different and difficult, this time, since for obvious reasons I will not be able to hug her or even cover her with kisses as I would like to do, as I will not be able to hug my parents, who will join us, which I have not seen since March 6.
And God only knows the desire I have to be able to do it, to embrace and kiss Lara, my mother, my father, to make them feel how much I missed them, to be able to relieve together of all that we had to go through, distant and alone…

Of course, for my daughter, who will turn 4, “wuhan” and “coronavirus” are just two funny words and she has certainly experienced this whole situation in light-heartedness, but these 6 months in her eyes I have seen a veil of suffering fall that before she didn’t have: suffering from detachment, suffering from distance, suffering from not being able to understand why her father no longer went to visit her.
And that suffering led us to move even more away from each other, and this isolation has become a prison!

And then, if I cannot embrace and kiss her as I would like, the eyes will be the means to show my Love, to make her find again that light that she had and that must return to shine. If I can’t hug my parents, I will look at them differently and tell them things I never said when everything was taken for granted.

To love with the eyes, to love with words, to love with small gestures.
Now that we understood that they are the most important things…


37 risposte a "Amare con gli occhi / To love with the eyes"

  1. Caro Manuel, sarà diverso e difficile anche per me. Sabato spegneró 50 candeline con l’aria compressa nel rispetto dei pochi intimi che ci tenevano a festeggiarmi (io avevo gia rinunciato). Nessuno vieta di soffiare sulle torte, ma questi mesi hanno cambiato il senso e il buon senso. Quello che sento e vivo nelle occasioni con gli amici di sempre, é il calore della presenza, degli sguardi, dei gesti. Come dici tu. Non ci abbracciamo/avviciniamo perché ognuno ha il suo anziano da proteggere. Ma nessuno potrà mai impedirci di amarci, é cambiato solo il convivio. Siamo belli così. Quindi buon viaggio, buon riposo e buon compleanno all’altra piccola leonessa! Grazie per i tuoi pensieri 🥰

  2. I bambini percepiscono e capiscono tutto. Magari non lo sanno spiegare a parole ma hanno una loro saggezza che supera quella di noi adulti. La tua piccola saprà percepire e capire tutta la situazione appena ti rivedrà. E tu saprai trovare il modo di aiutarla a riuscirci. Ne sono sicura. 😊
    Buon viaggio e buona permanenza.
    …E come diceva una persona che conosco…tanto oro su di voi. 🙂

    1. Lara è già cambiata l’ultima volta che ci siamo sentiti, era già più solare. ❤️ Penso che in tutto questo periodo si sia chiesta perché no andavo, sicuramente non è riuscita ad associare corona e la mia mancanza, nonostante glielo ripetessi in continuazione.
      Adesso è arrivato il momento di recuperare il tempo perduto ❤️
      Grazie mille, di cuore!

      PS
      “tanto oro su di voi” mi piace tanto
      lo auguro anche a te ❤️

      1. Non dimenticare che è una femminuccia (e quindi ha una marcia in più. 😜).
        E’ il momento di costruire nuovi ricordi con lei. 😉 😊 ❤

        Grazie!! 😊💛💙

  3. Hai scritto cose bellissime, ma sopratutto “amarsi con gli occhi” , è forse più emozionante che toccarsi, ci si vede dentro, ci si incontra col cuore! Ti auguro un viaggio felice e tanti abbracci di occhi! Sei grande!

Rispondi a Enza Graziano Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...