Per non dimenticare il terremoto del 2016!

Quando tornai in Italia, prima dello scoppio della pandemia, decisi di fare due giri per ritornare sui passi del mio Wandering Italia: la prima volta fu una “gita di piacere” a Rocca Calascio, la seconda ebbe un significato molto più profondo perché tornai in quei posti che ebbero su di me un impatto emotivo devastante, per quello che vidi e per le persone che incontrai.

E se durante il mio cammino, e poi nel mio ritorno l’anno scorso, decisi per una forma di rispetto di non documentare la devastazione provocata dal maledetto terremoto del 2016, questa volta ho deciso di fare completamente l’opposto per mostrarvi in quali condizioni versano ancora.

Perché, probabilmente, come me nel 2018, non potete immaginare…
Perché non se ne parli solo a Natale!
Perché, cristo, sarebbe anche arrivato il momento di fare qualcosa!

Per non dimenticare!

PS:
Il video è stato girato il 4 marzo e, appena scoppiata la pandemia, ritenni opportuno evitare di portare altra tristezza, rabbia e desolazione.
Adesso penso sia giunto il momento di dare dignità e voce a quelle persone che hanno perso tutto e che, da quasi 4 anni, vivono in condizioni inaccettabili.

So che 15 minuti di video sono tanti, ma dategli un’occhiata e magari condividete… per far sapere a tutti la devastazione che vedrete….


15 risposte a "Per non dimenticare il terremoto del 2016!"

      1. lo immagino io conosco un po’ la zona del Belice dove il terremoto c’è stato nel 1968 e la situazione è tuttora di desolazione assoluta!

  1. le stesse sensazioni provate anni fa quando andai nell’emiliano dopo il terremoto di Mirandola a portare qualche risorsa alimentare (non ricordo ora l’anno) rabbia/impotenza/desolazione. La memoria fa le bizze, siamo pieni di pensieri hai fatto benissimo a rinfrescarla. Ciao.

      1. Hai ragione, davvero magnifico!
        Durante WI ho deciso di fare una tappa corta per dormire lì, appena sotto la Rocca. La sera non me al gustai troppo perché era piena di fotografi, ma la mattina mi svegliai alle 5 e mi gustai, da solo, un’alba spettacolare… ricordi indelebili ❤️
        Da allora, ogni volta che posso ci torno 😊

      2. Adesso vedo che ci hanno fatto b&b e quant’altro ma all’epoca era proprio un posto fuori dal mondo. Ricordo di essere andato in giro per il paese con un cavallo. E mi ricordo ancora il gusto dei salumi appesi a maturare in cantina.

Rispondi a Nonna Pitilla Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...