Informazione?

spegni la televisione, accendi il cervelloAlziamo un bel polverone, creiamo del caos a dovere, deviamo l’attenzione su mille piccole cose così che tutto il resto, anche – e soprattutto – le cose importanti, passi inosservato.
Questo il messaggio che mi sembra provenire, non solo dalla politica, ma anche dall’informazione italiana, dai mass-media in generale. Si, perché,dopo aver letto quelle notizie inconfutabili – per esempio quelle riguardo una catastrofe naturale, anche se a volte anche li le cose sono poco chiare – per tutto il resto sono un po’ restio a prendere le notizie per vere. Sarò complottista o paranoico io, ma non vedo nell’informazione quella chiarezza e quell’essere al di sopra delle parti che il cittadino si aspetterebbe normalmente.In poche parole penso, e credo, che i giornali, i tg e i notiziari vari, passino solo quello che fa comodo a loro – o a chi li comanda – quando è il momento opportuno e nel modo che credono più opportuno.
Mi spiego meglio.
Sono per esempio restio a credere vere tutte le notizie che cavalcano il momento, ossia quel “non sentire parlare d’altro” per un certo periodo, fino a quando le cose sono poi dimenticate. Mi riferisco a tutte quelle notizie un po’ generiche che farciscono i mass media quando qualcosa fa notizia. Chi si ricorda, qualche anno fa, tutta la storia estiva riguardo al pericolosissimo “pesce siluro” proveniente dalla Russia e che infestava le acque del nord Italia? E il periodo dei “naziskin” che impazzavano e attaccavano in tutto il paese? E i pittbull che azzannavano le persone? E le aggressioni omofobe dell’estate scorsa?
Ce ne sarebbero molti altri di esempi, ognuno può metterci i propri. Non voglio dire che le notizie non fossero tutte vere, mi sembra solo strano quando per un periodo si parla solo di quello e poi, come per magia, tutto svanisce nel nulla. Che alcune di quelle notizie siano inventate o travisate e catalogate per quello che non sono?
Ci sono poi quelle notizie ad effetto, e queste sono quelle più subdole perché collegate a certi meccanismi politici sui quali forse sarebbe meglio non interrogarsi troppo. Mi riferisco a quegli scoop sensazionali che scoppiano in concomitanza con altri eventi ed hanno l’effetto, secondo me sperato, di sviare l’attenzione altrove. Vi siete mai chiesti come mai alcuni arresti di personaggi importanti, mafiosi e superlatitanti, accada sempre in concomitanza con alcuni show della politica? Forse per fare contento il popolo da una parte mentre ne abusiamo dall’altra? Fateci caso la prossima volta….
Le ultime notizie che non digerisco sono quelle di parte spacciate per vere solo perché tralasciano volutamente il rovescio della medaglia perché, tanto, la maggior parte della gente non può sapere. Sono per esempio le notizie di questi giorni, quelle delle rivolte studentesche, dove si condannano prima i manifestanti, poi i poliziotti (a seconda del vento e delle immagine comparse sul web), si ritratta, ci si contraddice. E tutto nella normalità più assoluta. Si da al popolo quello che si vuole e come si vuole per farlo pensare come si vuole, e in questo, scusate ancora il mio complottismo, non posso pensare che l’informazione sia libera dai giochi della politica.
Ho un’altro esempio.
11 novembre 2007 , un poliziotto ammazza un “ultras” della Lazio rischiando tra l’altro di creare una strage sull’autostrada del sole. Come mai, senza entrare nell’iter giudiziario seguito a questo omicidio, è stata data sempre più importanza alla reazione dei tifosi in ogni parte di Italia che ci furono quel giorno (gli incidenti a Bergamo, gli scontri a Roma la sera etc.) senza dare il giusto eco a quello che era veramente successo? E come mai, per dovere di cronaca almeno, non è stato detto da nessuna parte che domenica scorsa, in quasi tutti gli stadi d’Italia e in molti altri in Europa, gli “ultras” hanno voluto ricordare Gabriele andando al di la dei colori e delle rivalità? Perché non si è mai fatta luce su la morte di Aldovrandi, o Cucchi, o tutti gli altri uccisi dallo stato o per mano dello stato? Con relative minacce a genitori e parenti? Perché le notizie che si danno sulla Palestina o sulla striscia di Gaza sono contrastanti in tutto e per tutto con altre che possono essere trovate sul web e delle quali non se ne fa mai menzione? Perché tutti hanno parlato della povera America colpita da Sandy e nessuno si è preoccupato di Cuba e degli altri paesi “poveri” colpiti dal ciclone?
Ci sarebbero milioni di esempi, ognuno ha sicuramente le proprie idee a riguardo. Io, come ho detto all’inizio, sono un po’ restio a prendere per vere tutte le notizie. Gli altri non so.
Posso solo suggerire di cercare anche altrove, e non in un solo posto, una possibile verità.

6 pensieri su “Informazione?

  1. Tempo fa pensavo all’aviaria, al fatto che a questo punto, secondo quel che si leggeva-ascoltava qualche anno fa, dovremmo più o meno essere tutti morti a seguito di pandemia. Bastava vedere un piccione per strada per farsi afferrare dal panico. Non mi risulta che nessuno ne parli più.
    In quanto al resto, sollevi un argomento molto spinoso, anche perchè il proliferare di fonti consentito dal moderno sviluppo tecnologico, auspicabile sia chiaro, non sempre fa rima con la possibilità di capire di più gli eventi. Purtroppo il web pullula di siti di pseudo-informazione alternativa al potere, e non è facile districarsi.

    • Bravo, hai portato un’altro esempio di quelle notizie ad ondata cui mi riferivo prima.
      i siti di informazione alternativa al potere li potrei capire in una dittatura, in una repubblica francamente no, almeno che non si parli di estremismi, di destra o di sinistra che sia.
      In una repubblica ti aspetti una certa uguaglianza di notizie, politicamente corretta, che poi può pendere lievemente da una parte o dall’altra a seconda di chi “sponsorizza” il giornale o la televisione. Se, in quel caso, un cittadino si passa in rassegna tutti i notiziari, dovrebbe avere una visione ampia ed equilibrata su tutto.
      Invece ho l’impressione che, lasciando stare alcuni discorsi politici, alcune notizie sono gestite o censurate da tutti allo stesso modo, forse per indirizzare il cittadino verso quel tipo di pensiero che loro vogliono per noi?

      • Riguardo l’aviaria si è scoperto che industrie farmaceutiche statunitensi hanno corrotto due o tre scienziati(?) dell’ OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per far classificare in un certo modo l’epidemia in modo che gli Stati che avevano sottoscritto determinati contratti con esse fossero obbligati a comperare il vaccino. Non sono un “cazzaro”, credo d’avere sentito la notizia su Report e comunque non leggo Chi, Novella 2000 (se esiste ancora) e/o simili.

  2. Concordo appieno con il tuo pensiero, mi siamo anche un popolo credulone e apatico.
    Finché la giostra gira e ci si diverte, perché affaticarsi nel voler sapere la realtà dei fatti
    Baci
    Mistral

    • non ho capito se era una domanda …comunque penso che uno non dovrebbe affaticarsi per sapere la realtà, dovrebbe essere normalità ….
      sul discorso della giostra sono d’accordo con te, anche se lasciarla girare sempre fregandosene può diventare pericoloso nel caso uno decidesse di scendere…
      Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...